I° ipotesi del Logo I° ipotesi del Logo

" I Barbari " 

sono una Rete nascente di Compagnie di Teatro, Spazi teatrali e singoli artisti che desiderano creare degli eventi comuni di invasioni e incursioni urbane. Lo scopo è quello di mostrare il reale impatto sociale dell'arte, il suo peso e la sua utilità come presenza concreta del segno artistico nelle città. Tutti i partecipanti seguono percorsi di ricerca molto differenti tra di loro ma, ciascuno a suo modo, si legano al percorso e alla figura di Eugenio Barba e al suo 'stile' di fusione delle arti e delle personalità artistiche, in un coacerbo molto variegato, aperto, libero e creativo.

La rete difatti è nata nel 2013 dopo un incontro al Teatro Vascello conEugenio Barba e alcuni dei suoi attori, e in seguito all'invito di Barba stesso di fare gruppo, di collaborare e riunirsi per creare un evento di grande visibilità e di peso sociale-politico e artistico.

 

Da allora la rete si è formata, già composta da molti elementi e sempre aperta a nuovi ingressi... si è riunita, ha condiviso ideali, training ed ha cominciato a progettare una tipologia di ' invasione urbana ' (un evento ancora in costruzione, probabilmente per il 2015).

 

Ad oggi il primo appuntamento fattivo e spettacolare con la rete sarà al Giardino degli Aranci il 5 Settembre, all'interno del XX° Festival Internazionale di Teatro Urbano organizzato da Abraxa Teatro  (con delle piccole incursioni spettacolari) e il 29 Settembre nell'incontro con Eugenio Barba. 

II° Ipotesi di Logo II° Ipotesi di Logo
invasione urbana del Teatro Ygramul a Granada nel 2006 invasione urbana del Teatro Ygramul a Granada nel 2006

I Barbari si ispirano alla poesia di Costantino Kavafis

 

" ASPETTANDO I BARBARI


Che aspettiamo,

raccolti nella piazza?
Oggi arrivano i barbari.
Perché mai

tanta inerzia nel Senato?
E perché i senatori siedono e non fan leggi?
Oggi arrivano i barbari.
Che leggi devon fare i senatori?
Quando verranno le faranno i barbari.
Perché l’imperatore s’è levato
così per tempo e sta, solenne, in trono,
alla porta maggiore, incoronato?
Oggi arrivano i barbari.
L’imperatore aspetta di ricevere
il loro capo. E anzi ha già disposto
l’offerta d’una pergamena. E là
gli ha scritto molti titoli ed epiteti.
Perché i nostri due consoli e i pretori
sono usciti stamani in toga rossa?
Perché i bracciali con tante ametiste,
gli anelli con gli splendidi smeraldi luccicanti?
Perché brandire le preziose mazze
coi bei ceselli tutti d’oro e argento?
Oggi arrivano i barbari,
e questa roba fa impressione ai barbari.
Perché i valenti oratori non vengono
a snocciolare i loro discorsi, come sempre?
Oggi arrivano i barbari:
sdegnano la retorica e le arringhe.
Perché d’un tratto questo smarrimento
ansioso? (I volti come si son fatti seri!)
Perché rapidamente e strade e piazze
si svuotano, e ritornano tutti a casa perplessi?
S’è fatta notte, e i barbari non sono più venuti.
Taluni sono giunti dai confini,
han detto che di barbari non ce ne sono più.
E adesso, senza barbari, cosa sarà di noi?
Era una soluzione, quella gente. "

Invasione Urbana di Abraxa Teatri Invasione Urbana di Abraxa Teatri

Sino ad oggi fanno parte de

' I Barbari ' :

 

L'Allegra Banderuola 

Teatro del Lido

Affabulazione

8roote 

Cosìnonsivainscena

Officina del Teatro 

Il Naufragar M'è Dolce

Groucho Teatro

Metamorfosi Teatro

Teatro Ygramul

Abraxa Teatro

Gruppo Taiko

Associazione Albali

Teatro Vascello

Teatro Argot

Fuori Contesto

 

e molti ancora si uniranno all'orda...

[top]